Associazione Silvia Procopio
American Heart Association
ACC Meeting

Impianto transcatetere della valvola aortica: le aritmie ventricolari sono comuni nei pazienti con stenosi aortica


L’impianto transcatetere di valvola aortica ( TAVI ) è un trattamento terapeutico per i pazienti con grave stenosi aortica ad alto rischio chirurgico.
Anche se la procedura è associata a una riduzione della mortalità totale, non ci sono dati relativi al cambiamento nella incidenza di contrazioni ventricolari premature ( PVC ) e aritmie ventricolari dopo TAVI.

L'obiettivo dello studio è stato quello di valutare l'incidenza di aritmie ventricolari prima e dopo TAVI.

Sono stati arruolati 237 pazienti sottoposti a TAVI presso l’Ospedale Ferrarotto di Catania.
Novantuno pazienti sono stati esclusi per i seguenti motivi: presenza di precedente pacemaker permanente ( n=20 ), nuovo impianto di pacemaker permanente dopo TAVI ( n=48 ), morte durante il periodo di follow-up ( n=16 ), e perdita durante il follow-up ( n=7 ).
146 pazienti sono stati inclusi nella analisi.

La presenza di aritmie ventricolari è stata valutata in tutti i pazienti mediante monitoraggio Holter per 24 ore, prima della procedura e dopo 1 e 12 mesi.

Le aritmie ventricolari sono state classificate in base al sistema di classificazione di Lown modificato.
Prima della procedura, le contrazioni ventricolari premature isolate ( grado 1-2 del sistema di classificazione di Lown ) erano presenti nel 34.9% dei pazienti ( n=51 ).
Le contrazioni ventricolari premature complesse ( grado 3-4A-4B del sistema di classificazione di Lown ) erano presenti nel 48.6% della popolazione ( PVC multifocali in 32 pazienti [ 21.9% ], coppie in 25 pazienti [ 17.1% ], tachicardia ventricolare in 14 pazienti [ 9.6% ] ).

Un mese dopo la procedura, i ricercatori hanno osservato una diminuzione statisticamente significativa dell’incidenza di aritmie di grado 3 ( da 21.9 a 17.1% ) e di grado 4 ( coppie: da 17.1 a 12.3%; tachicardia ventricolare: da 9.6 a 4.8% ).

Dopo 12 mesi, c'è stata una ulteriore significativa riduzione della frequenza e della gravità delle contrazioni ventricolari complesse.
In particolare, il 45.8% dei pazienti ha avuto complessi ventricolari isolati isolati ( meno di 30 in tutte le ore di monitoraggio in 45 pazienti [ 30.8% ]; superiore a 30 in qualsiasi ora del monitoraggio in 22 pazienti [ 15% ] ), mentre è risultata ridotta la frequenza di aritmie complesse al 16.4% ( PVC multifocali in 13 pazienti [ 9% ]; coppiette: 8 pazienti [ 5.5% ] e tachicardia ventricolare in 3 pazienti [ 2.0% ] ).
La differenza era statisticamente significativa ( P inferiore a 0.01 ).

In conclusione, lo studio ha indicato che le aritmie ventricolari sono comuni nei pazienti con stenosi aortica.
Una diminuzione significativa dell'incidenza e della gravità delle contrazioni ventricolari premature fin dal primo mese dopo TAVI è stata osservata.
Inoltre, dopo 1 anno di follow-up c'era una ulteriore e significativa riduzione della frequenza delle contrazioni ventricolari premature complesse.
Questo può essere correlato ai benefici prodotti dalla sostituzione della valvola sulla funzione ventricolare sinistra. ( Xagena2015 )

Tempio D et al, Europace 2015; Epub ahead of print

Cardio2015



Indietro