Aggiornamenti in Aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Ablazione con palloncino criotermico come terapia iniziale per la fibrillazione atriale


Nei pazienti con fibrillazione atriale parossistica sintomatica che non ha risposto ai farmaci, l'ablazione transcatetere è più efficace della terapia farmacologica antiaritmica per mantenere il ritmo sinusale. Tuttavia, la sicurezza e l'efficacia dell'ablazione con palloncino criotermico come terapia iniziale di prima linea non sono state ancora accertate.

È stato condotto uno studio multicentrico in cui i pazienti di età compresa tra 18 e 80 anni che avevano fibrillazione atriale parossistica per la quale non avevano precedentemente ricevuto una terapia di controllo del ritmo sono stati assegnati in modo casuale a ricevere un trattamento con farmaci antiaritmici ( agenti di classe I o III ) o isolamento della vena polmonare con un palloncino criotermico.

Il monitoraggio dell'aritmia includeva l'elettrocardiografia a 12 derivazioni condotta al basale e a 1, 3, 6 e 12 mesi; monitoraggio telefonico attivato dal paziente condotto settimanalmente e quando erano presenti i sintomi durante i mesi da 3 a 12; e monitoraggio ambulatoriale nelle 24 ore condotto a 6 e 12 mesi.

L'endpoint primario di efficacia era il successo del trattamento ( definito come libertà dal fallimento iniziale della procedura o recidiva di aritmia atriale dopo un periodo di sospensione di 90 giorni per consentire il recupero dalla procedura o l'aggiustamento della dose del farmaco, valutato in un'analisi di Kaplan-Meier ).
L'endpoint primario di sicurezza è stato valutato solo nel gruppo di ablazione ed era un composito di diversi eventi avversi gravi correlati alla procedura e al palloncino criotermico.

Dei 203 partecipanti che sono stati sottoposti a randomizzazione e hanno ricevuto un trattamento, 104 sono stati sottoposti ad ablazione e 99 inizialmente hanno ricevuto terapia farmacologica.

Nel gruppo di ablazione, il successo iniziale della procedura è stato raggiunto nel 97% dei pazienti.

La stima di Kaplan-Meier della percentuale di pazienti con successo del trattamento a 12 mesi è stata del 74.6% nel gruppo di ablazione e del 45.0% nel gruppo di terapia farmacologica ( P minore di 0.001 dal log-rank test ).
Due eventi dell'endpoint primario di sicurezza si sono verificati nel gruppo di ablazione ( stima di Kaplan-Meier della percentuale di pazienti con un evento entro 12 mesi, 1.9% ).

L'ablazione con palloncino criotermico come terapia iniziale è risultata superiore alla terapia farmacologica per la prevenzione delle recidive di aritmia atriale nei pazienti con fibrillazione atriale parossistica.
Gli eventi avversi gravi correlati alla procedura sono stati rari. ( Xagena2021 )

Wazni OM et al, N Engl J Med 2021; 384: 316-324

Cardio2021 Farma2021


Indietro