CardioPreventariab.it
Prevenzione malattie cardiovascolari
Associazione Silvia Procopio
Neurologia

Differenze nei risultati clinici e funzionali della fibrillazione atriale in uomini e donne


Nonostante la frequenza della fibrillazione atriale nella pratica clinica, si sa relativamente poco sulle differenze di sesso nei sintomi e nella qualità di vita e sul modo in cui possono influenzare il trattamento e gli esiti.

Si è determinato se i sintomi, la qualità di vita, il trattamento e gli esiti differiscano tra uomini e donne con fibrillazione atriale in uno studio osservazionale di coorte che ha incluso 10.135 pazienti con fibrillazione atriale dal registro Outcomes Registry for Better Informed Treatment of Atrial Fibrillation con fibrillazione atriale incidente e prevalente, arruolati in 176 Centri tra il 2010 e il 2011.

I principali risultati erano i sintomi, la qualità di vita misurata dai punteggi alla scala AFEQT ( Atrial Fibrillation Effects on Quality of Life ), il trattamento per la fibrillazione atriale, gli esiti cardiovascolari, l’ictus o l’embolia del sistema nervoso non-centrale e la mortalità per tutte le cause.

Nel complesso, nella coorte c’erano 4.293 pazienti ( 42% ) erano di sesso femminile.
Rispetto agli uomini, le donne erano più anziane ( 77 anni vs 73 anni, P minore di 0.001 ) e avevano maggiori punteggi mediani CHA2DS2-VASc ( 5 vs 3, P minore di 0.001 ), ma meno apnea del sonno ( 578, 13.5%, vs 1.264, 21.6%; P minore di 0.001 ).

Solo il 32.1% delle donne ( n=1.378 ) era asintomatico ( European Heart Rhythm Association [ EHRA ] classe I ) rispetto al 42.5% degli uomini ( n=2.483 ) nelle analisi non-rettificate ( P minore di 0.001 ).

Le donne avevano più bassi ( più gravi ) punteggi alla scala AFEQT non-aggiustati al basale complessivi ( n=2.007; 80 vs 83; P minore di 0.001 ).

Le donne avevano tassi simili di anticoagulazione e tempo simile nel range terapeutico.

Nel follow-up, le donne hanno sperimentato più basso rischio aggiustato di mortalità per qualsiasi causa ( hazard ratio aggiustato, aHR=0.57 ) e morte cardiovascolare ( aHR=0.56 ); tuttavia, hanno avuto un rischio più elevato di ictus o embolia del sistema nervoso non-centrale ( aHR=1.39; P=0.02 ), rispetto agli uomini.

In conclusione, le donne con fibrillazione atriale hanno più sintomi e peggiore qualità di vita.
Nonostante il rischio più elevato, le donne hanno una minore mortalità per tutte le cause e cardiovascolare aggiustata per il rischio rispetto agli uomini, ma tassi di ictus più elevati.
Studi futuri dovrebbero concentrarsi su come il trattamento e gli interventi possano influenzare in particolare la qualità di vita correlata alla fibrillazione atriale e gli esiti cardiovascolari nelle donne. ( Xagena2016 )

Piccini JP et al, JAMA Cardiol 2016; 1: 282-291

Cardio2016



Indietro